ADA Genova. Municipio Bassa Valbisagno: “Qual è il ruolo sociale delle associazioni di volontariato? All’iniziativa anche il libro fotografico prodotto dagli anziani di Ada Genova.

Condividi su

La terza età si confronta con fotografia, storia e nuove tecnologie. Nell’ambito del pomeriggio di festa organizzato dal Municipio Bassa Valbisagno, che coinvolge le associazioni Gau Volontariato, Gau promozione sociale, Arci- Aps Consorzio Zenzero, Ada Genova, Auser Liguria e Auser Villa Imperiale, si terranno alcune attività per sottolineare l’importanza del ruolo sociale delle associazioni di volontariato.   Ada Genova (Associazione per i diritti degli anziani), in collaborazione con Gau Volontariato, Gau promozione sociale, Auser Liguria, Auser Villa Imperiale, propone una mostra fotografica e la presentazione di un libro di fotografie Trekking fotografico in citta: “Valbisagno”. “Passeggiando e fotografando in Valbisagno” è un progetto ampio che nasce dalla volontà di riabilitare un territorio e di restituirlo, anche simbolicamente, alla cittadinanza, lavorando sul ricordo e le sue immagini per la loro straordinaria importanza. Il progetto è finanziato, con i fondi del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, da Regione Liguria nell’ambito del Patto di solidarietà 2018-2019: “Ogni stagione porta i suoi frutti”. La pubblicazione raccoglie gli elaborati finali dei corsisti che, armati di smartphone, curiosità e applicazione, hanno partecipato al progetto Ada. “Questo lavoro nasce per far incontrare le persone, è la battaglia di Ada Genova contro la solitudine – dichiara Roberto Gambetti, presidente Ada Genova – Così, attraverso il progetto fotografico donne e uomini si sono incontrati e hanno dato vita agli scatti che raccontano la vita sociale ed economica della Valbisagno”.Il corso di fotografia è stato realizzato grazie a due docenti di eccezione, le fotografe professioniste:  Astrid Fornetti e Paola Leoni. Le fotografe hanno accompagnato gli anziani lungo i percorsi della Valbisagno: dall’acquedotto romano, al cimitero di Staglieno, dalle attività manifatturiere alla natura, da queste parti,  ancora rigogliosa.La presenza dell’uomo in Valbisagno si distingue attraverso le attività che nei secoli ha saputo produrre: agricoltura, allevamento, estrazione di marna e calcale, edilizia, manifattura e arte. “Ecco che il lavoro torna al centro del dibattito e si fa nastro trasportatore di crescita e benessere– chiude il presidente Ada Genova –  Questo libro è dedicato a Piero Massa il segretario generale della Uil Pensionati scomparso di recente che – su questo corso – aveva scommesso, dicendo:  la creatività si fa rivoluzionaria grazie a donne e uomini che credono sia pienamente necessario  incontrarsi per immaginare e forgiare il futuro”.