fbpx
Condividi su

L’aumento della TARI non può gravare solo sulle spalle delle famiglie genovesi, già stremate da anni di crisi che hanno colpito la città. A partire dal crollo del ponte Morandi fino ad oggi, con la terribile pandemia dovuta al COVID 19, i genovesi hanno pagato un prezzo insopportabile e non possono sobbarcarsi da soli anche l’aumento della TARI.
Auspicavamo la giusta e dovuta attenzione, che ci sembrava ovvia e scontata, nei confronti di lavoratrici, lavoratori, pensionate e pensionati della nostra città visto anchel’aumento impressionante delle ore di cassa integrazione nel corso del 2020: a Genova si sono persi quasi 5 mila posti di lavoro e incombe  l’incomprensibile sblocco dei licenziamenti che rischia di dare un colpo mortale al tessuto economico e sociale cittadino.
In questo scenario non si può pensare di aggiungere anche l’aumento della tassa dei rifiuti da scaricare tutto sulle famiglie. Non èpensabile una politica alla Robin Hood rovesciata. L’impatto degli aumenti della Tari deve essere bilanciato, tenendo in considerazione ibisogni di tutti. Il Sindaco e l’Assessore Piciocchi devono comprendere che non si può pensare di colpire le fasce più deboli della popolazione,riteniamo che sia assolutamente necessario congelare l’aumento per tutto il 2021 e fare un percorso di gradualità per gli anni successivi.Le risorse a disposizione dovevano essere distribuite in modo equilibrato, senza creare conflitti tra aziende, commercianti e famiglie, perché c’è in gioco la tenuta sociale della città”


Igor Magni Segretario Generale Cgil Genova – Marco Granara responsabile territoriale Ast Cisl Genova – Mario Ghini Segretario Generale Uil Liguria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Vietato scaricare i contenuti video! Ogni abuso sarà rilevato e punito!