Banche e coronavirus. Dichiarazione di Marco Pessina, segretario generale Uilca Liguria.

Condividi su

Genova, 24 marzo 2020.In questi giorni quasi tutte le banche operano su appuntamento, secondo il principio che per entrare in banca non è necessario uscire di casa, visto che ci sono computer, app, telefoni, carte di credito, bancomat. Questo viene pubblicizzato: “non venite in banca se non è strettamente necessario.

Si differenzia dalle altre la principale banca ligure, che pubblicizza ‘aiuti all’economia” ma non fa nessun invito a non andare in banca.

E col fatto che le altre banche hanno preso la precauzione di ricevere su appuntamento, i colleghi che lavorano nella nota banca ligure si trovano ad avere assembramenti di persone difficili da gestire.

A queste difficoltà si aggiunge il fatto che “piccoli manager” continuano a convocare clienti facendogli sottoscrivere prodotti, al solo scopo di mettersi in evidenza.

Il Presidente del Consiglio ha dichiarato che prima viene la salute di tutti, lavoratori e cittadini, e questo è un diritto che non può essere disatteso.

Inoltre in banca c’è ancora poco smart working:

dove sono le tanto decantate innovazioni tecnologiche?

I sindacati sono in continua trattativa per garantire la salute di tutti, i propri dipendenti dovrebbero essere il principale capitale di un’azienda.

È stato fatto un comunicato sindacale che ha come titolo “…pochi passi avanti” l’opposto dello slogan

 “ Avanti veloce”.

Un’ultima nota. È di pessimo gusto vedere il dott. Giancarlo Guaitani CCO di Banca Carige collegato da casa per un’intervista mentre nello stesso momento gli altri dipendenti sono impegnati agli sportelli, ancora una volta a metterci la faccia per dare un servizio alla clientela.

Questo ultimo fatto conferma, ancora una volta, che c’è un grande problema nella selezione dei dirigenti e dei manager (strapagati) nel nostro Paese. 

fonte foto: lastampa.it