Comunicato stampa Cgil Cisl Uil La Spezia Il ponte di Albiano rappresenta una risorsa sociale ed economica anche per il territorio spezzino: accelerare con la ricostruzione o sarà un disastro.

Condividi su

La Spezia, 15 aprile 2020 – Il ponte di Albiano è un asse viario strategico, non solo per la Toscana ma per tutta la bassa Val di Vara, la Val di Magra con Santo Stefano, e la stessa Lunigiana. Per questa ragione, la società civile e l’economia non possono aspettare più di un anno per avere un nuovo ponte: le istituzioni  devono individuare soluzioni emergenziali, ma di lunga durata, che permettano, una volta ripristinata la viabilità, di potersi muovere in tempi e modi ragionevoli e adeguati.
La proposta del Sindaco di Bolano di costruire rampe provvisorie di accesso all’autostrada, potrebbe rappresentare una soluzione rapida per andare incontro alle enormi difficoltà di mobilità  che il territorio avrà  nei prossimi mesi, in particolare quelli invernali, dove spesso la Ripa viene chiusa al traffico a causa del maltempo.
La Val di Vara è un territorio importante che conta più di 30 mila residenti e oltre 6 mila piccole aziende. A causa dell’emergenza Coronavirus la loro sopravvivenza sarebbe messa ulteriormente in discussione per l’impossibilita di muoversi e per l’incremento dei costi per il trasporto della merce, secondo Cgil Cisl Uil La Spezia tutto ciò potrebbe avere gravi ricadute occupazionali e sociali.
Secondo le oo.ss. le istituzioni non possono voltarsi dall’altra parte o pensare che quello del ponte sia un problema che riguarda unicamente la Toscana. Il ponte di Albiano è per storia e per necessità un problema di tutta la provincia della Spezia, per questo ci aspettiamo che si aprano subito percorsi che possano rispondere alle esigenze dei cittadini e delle imprese che operano sia nella Val di Vara che nello Spezzino.
Lara Ghiglione,  Antonio Carro e Mario Ghinirispettivamente segretari generali Cgil La Spezia, Cisl La Spezia e Uil Liguria