fbpx
Condividi su

Filt Cgil Genova e Liguria Fit Cisl Liguria Uiltrasporti Liguria: “Riconoscere i diritti dei lavoratori o sarà sciopero”

Sono circa 20 mila i portuali italiani che attendono il rinnovo del contratto di lavoro. Oggi il tema del contratto è stato affrontato dall’assemblea unitaria regionale dei delegati dei trasporti alla quale hanno partecipato Amedeo d’Alessio, Maurizio Diamante e Giuliano Galluccio Segretari nazionali di Filt Cgil Fit Cisl Uil trasporti e le Segreterie territoriali e regionali di categoria. Oltre un centinaio i delegati presenti.

Lo scorso 2 febbraio, in sede di confronto con le parti datoriali, le Segreterie di Filt Fit Uiltrasporti hanno registrato una netta distanza dalle controparti rispetto alla  richiesta economica sindacale per il triennio 2024/2026 e ciò ha provocato l’interruzione  della trattativa.

Per Filt Cgil Fit Cisl Uiltrasporti è impensabile che le controparti non vogliano riconoscere un recupero adeguato del potere d’acquisto dei salari, visti i dati inflattivi degli ultimi due anni e le straordinarie performance registrate dall’industria armatoriale e da molti terminal portuali a partire dalla crisi pandemica da Covid-19.

Inoltre i troppi infortuni nei porti, alcuni dei quali tristemente mortali, come quelli dei giorni scorsi avvenuti a Bari e Cagliari, rendono necessari impegni tangibili sulla sicurezza per rimettere al centro sia il necessario aggiornamento normativo sia gli strumenti contrattuali su salute e sicurezza.

Al termine dell’incontro l’assemblea ha chiesto alle Segreterie di continuare la trattativa e di attivare tutte le forme di lotta ivi inclusa la proclamazione di sciopero.

Filt Cgil Genova e Liguria Fit Cisl Liguria Uiltrasporti Liguria

Vietato scaricare i contenuti video! Ogni abuso sarà rilevato e punito!