Coronavirus. La Spezia, Cgil Cisl Uil scrivono a istituzioni e parti datoriali per la sicurezza dei lavoratori.

Condividi su

La Spezia, 12 marzo 2020


Al Signor Prefetto Antonio Lucio GarufiAl

Presidente Confindustria Mario Gerini

Al Presidente Ance Alberto Bacigalupi 

Al Presidente Confcommercio Gianfranco Bianchi 

Al Presidente Confesercenti Alessandro Ravecca 

Al Presidente Legacoop Enrico Casarino 

Al Presidente Confcooperative Anna Vivaldi  

Al Presidente della Provincia Pierluigi Peracchini 

Oggetto: rispetto normative sanitarie per emergenza Coronavirus nei luoghi di lavoro 


Signor Prefetto, Spettabili Presidenti 
Con questa lettera chiediamo che tutte le associazioni datoriali si impegnino senza riserva alcuna al rispetto totale delle normative sanitarie previste dal Governo per l’emergenza Coronavirus all’interno delle imprese in cui la produzione è ancora consentita dall’ultimo decreto. 
Siamo certamente consapevoli dell’importanza fondamentale della tenuta economica ed occupazionale della nostra provincia, ma la salute dei cittadini e dei lavoratori oggi è il primo valore da tutelare, tanto più in un territorio dove i presidi sanitari pubblici sono carenti e già messi a dura prova dall’emergenza Coronavirus.
Bisogna garantire ai lavoratori di svolgere le loro mansioni nella totale sicurezza sanitaria, a partire dall’utilizzo dei mezzi pubblici per recarsi al lavoro. Sanificazione ed areazione dei locali, rispetto delle distanze di sicurezza, utilizzo dei dispositivi di protezione individuali, turni e carichi di lavoro compatibili con l’emergenza sanitaria. 
Se le Aziende non riuscissero ad ottemperare a tali disposizioni, sarebbe necessaria una riduzione modulata (dal rallentamento fino alla sospensione momentanea) della attività lavorativa, utilizzando al tal fine gli ammortizzatori sociali legislativamentedisponibili o resi disponibili da provvedimenti straordinari e, ove se ne conviene, gli strumenti previsti dai CCNL. 
Come Sindacati, oltre che supportare i lavoratori in questo momento di grande sacrificio, ci impegneremo a monitorare quotidianamente tutti i luoghi di lavoro per assicurarci che le disposizioni governative siano attuate con zelo. Qualora non lo fossero, oltre alle consuete relazioni sindacali, ricorreremo agli strumenti consentiti dalla Legge come il diritto di Sciopero nel pieno rispetto delle normative previste in questa fase di emergenza. 
Sarà anche nostra cura segnalare al Signor Prefetto della Spezia gli eventuali casi di inadempienza che saranno riscontrati.
Grazie per la Vostra attenzione 
Distinti Saluti

Lara Ghiglione, Segretario Generale Cgil La Spezia

 Antonio Carro, Segretario Generale Cisl La Spezia

Mario Ghini, Segretario Generale Uil Liguria