fbpx
Condividi su

Il perdurare delle pessime condizioni di lavoro del personale all’interno dell’Ospedale Galliera di Genova ha portato alla dichiarazione dello stato di agitazione per i dipendenti del comparto sanitario.

Contrazione degli organici, emergenza epidemiologica, aumento dell’età media del personale addetto all’assistenza, sono condizioni che hanno determinato un evidente peggioramento delle condizioni di lavoro e sono le motivazioni alla base della protesta.

Per il personale, già stremato e logorato da ben 24 mesi di emergenza sanitaria, è

impossibile affrontare la turnistica in condizioni sostenibili e compatibili con il rispetto degli

istituti contrattuali relativi al riposo e al recupero psicofisico. 

Una situazione per tutte è quella del Pronto Soccorso dove il problema dello stazionamento costante di 40/50 barelle per oltre 48/72 ore, unito alla carenza di personale infermieristico e di supporto, rende impossibile la gestione dei pazienti e insostenibile il carico di lavoro del personale esposto a un rischio professionale elevatissimo, oltre al dilagare del fenomeno delle aggressioni. 

 *Anche dal punto di vista delle retribuzioni i lavoratori dell’Ospedale risultano penalizzati. Sarebbero infatti proprio i lavoratori a dover finanziare i maggiori costi che la pandemia ha provocato in termini di straordinario e indennità varie dovendo rinunciare agli incentivi annuali e a parte di salario accessorio, che per gli operatori maggiormente esposti significherebbe una perdita di circa 1800 euro all’anno. Non è tollerabile che chi con competenza, senso del dovere e grandissima responsabilità ha contrastato la pandemia ne debba addirittura sostenere i relativi costi rinunciando ad una consistente parte del proprio stipendio.* 

 *Esiste inoltre forte disagio per l’incertezza sugli esiti dei percorsi di stabilizzazione del personale a tempo determinato che si è contraddistinto durante la pandemia per competenza e professionalità garantendo i servizi alla cittadinanza mettendo a rischio perfino la propria salute e la propria vita. Sono necessarie risposte e certezza dei percorsi previsti dalla legge di bilancio.* 

Alla luce di quanto sopra riportato Fp Cgil e Uil Flp, e dopo aver tentato le vie della contrattazione e della mediazione, hanno dichiarato lo stato  di agitazione del personale sanitario non solo per tutelarne le condizioni di lavoro, ma anche per salvaguardare i livelli qualitativi di assistenza sanitaria all’utenza dell’importante presidio ospedaliero.

Fp Cgil e Uil Flp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Vietato scaricare i contenuti video! Ogni abuso sarà rilevato e punito!