fbpx
Condividi su

 La decisione del Governo di vendere il pacchetto azionario di Poste Italiane detenuto dal Ministero dell’Economia e Finanza suscita profonda preoccupazione.
“La privatizzazione di uno dei servizi nazionali più ampi e importanti – commenta il segretario generale della Uil Poste Ferdinando Medaglia – priverà Poste Italiane di un ruolo sociale che si è consolidato negli anni, soprattutto in piccole località con un’alta percentuale di popolazione anziana: esattamente l’identikit della nostra Liguria.
Conosciamo bene le logiche che il mercato privato ha portato nel mondo della sanità e non possiamo permetterci che queste subentrino anche nel settore postale: il rischio che i piccoli uffici periferici vengano tagliati in favore della centralizzazione va esattamente nella direzione opposta da quella di cui la Liguria ha bisogno. Anche sul fronte delle assunzioni siamo preoccupati: il trend attuale, che vede assunzioni solo precarie o a part-time, rischia così di peggiorare ulteriormente – prosegue Medaglia – Inoltre, la privatizzazione rischia di aprire a fondi speculativi nazionali ed internazionali quella che è la più grande banca dati del Paese: in una fase storica in cui la protezione dei dati è diventato un tema sensibile a livello europeo, non possiamo permettere un rischio del genere”.
La Uil Poste Liguria è pronta a ricorrere a manifestazioni e mobilitazioni per non abbandonare lavoratori e clienti in un momento particolarmente preoccupante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Vietato scaricare i contenuti video! Ogni abuso sarà rilevato e punito!