fbpx
Condividi su

Il progetto Restart rischia di essere un’occasione mancata per avviare nella nostra regione un nuovo modello della sanità ligure. La presentazione annuncia stanziamenti cospicui in sanità che rischiano di essere focalizzati in gran parte su ulteriori privatizzazioni. Nessun cenno alle assunzioni dei lavoratori nella sanità pubblica e nessuna progettazione del potenziamento della sanità territoriale che, come ci ha insegnato il Covid, è lo strumento migliore per garantire buona sanità. Proprio in funzione del progetto e delle ricadute che il PNRR potrà avere sulla sanità Ligure, si apra subito un confronto confederale che permetta, a tutti noi, di poter discutere un nuovo modello di sanità Ligure che sia in grado di portare risultati e opportunità ai cittadini. Se si vuole creare una sanità di qualità, si apra davvero una discussione, Cgil Cisl e Uil sono pronti.

Fulvia Veirana, Luca Maestripieri, Mario Ghini

Segretari Generali Cgil Cisl Uil Liguria

Vietato scaricare i contenuti video! Ogni abuso sarà rilevato e punito!