fbpx
Condividi su

Roberto Pinoschi,  grande sindacalista della Uilpem, nelle varie articolazioni, oggi Uiltec.

La lettera degli amici.

A un amico, un fratello maggiore!!!!!!

Caro Roberto, ecco che ti distingui un’altra volta,

quando molti, troppi, ci lasciano per via di un subdolo virus,

tu ci sorprendi scegliendo un percorso alternativo.

Se ne va un Maestro, non solo professionalmente parlando, se ne va un Maestro di vita per molti di noi, un uomo antico ma mai vecchio.

Forte, serio nel lavoro, gioviale tra gli amici, un uomo di organizzazione sempre attento agli interessi della comunità,

pregi che ti sono stati riconosciuti in vita e non alla memoria,

come accade per molti, poiché dopo morti si diventa tutti bravi.

In questi giorni tanti amici hanno chiesto di te,

amici veri, che pochi riescono a coltivare nell’ambito del lavoro,

lo sai nei nostri percorsi si incontrano più detrattori che estimatori ma con te è sempre stato diverso,

tutti, anche i nemici, e ne avevi più d’uno,

t’hanno sempre riconosciuto capacità professionali ed umane,

e ti stimavano.

Dovremmo prendere un almanacco per leggere e citare quanti accordi e quanti contratti nazionali hai siglato,

anzi hai costruito,

perché innegabilmente sei stato anima fondante del sindacato unitario e protagonista assoluto nel comparto del petrolio,

un “costruttore” di diritti e doveri.

Quante battaglie, quante parolacce al di là dei tavoli e dei momenti formali, quanta passione quanta grinta ci mettevi, quanti di noi hai forgiato, è stato un onore e soprattutto una fortuna immensa essere stati tuoi apprendisti.

Ora incontrerai alcuni amici anche di là, due tra tutti Mario Sandrelli e Pino Lavuda che sicuramente ti faranno pagare il pranzo, ci sarà da bere un buon pigato e un buon wiskey, e prenderete in giro qualche sfortunato coprotagonista.

Appena possibile gli amici si incontreranno a pranzo e brinderanno alla tua, caro Roberto, sei stato una leggenda,

e le leggende non muoiono mai.

Gli amici

Andrea Fiordelmondo, Riccardo Marcelli, Salvatore Balestrino, Alberto Pozzati, Fabio Balzani, Amedeo Guerriero, Massimo Martini, Sandro Dragani, Giuseppe D’Anniballe, Fabio Pennati.

2 pensiero su “Un “costruttore” di diritti e doveri: è mancato a 82 anni Roberto Pinoschi l’anima storica del sindacato del petrolio.”
  1. Sei stato un amico sincero e disinteressato sempre pronto ad aiutare chi ti chiedeva sei stato un esempio di uomo, sindacalista, amico ciao Roberto

  2. Ho provato in farmacia,appuntamento a a metà giugno,col PC sul sito regione pure,chiamo la dottoressa di famiglia,le spiego la cosa,mi dice che con la mia patologia.mi dovrebbero fare il Pfifersono sotto cura per una mielo fibrosi,dal2003,e più ho anche 5 punti di asbestosi,e prima di natale sono stato operato da due aneurismi aortici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Vietato scaricare i contenuti video! Ogni abuso sarà rilevato e punito!